Massive Transformative Purpose. Anche detto, più semplicemente, MTP. Tradotto come la massima aspirazione, lo scopo ultimo dell’organizzazione, l’MTP rappresenta la dichiarazione di intenti delle aziende che hanno la caratteristica di pensare in grande. Solo alcuni anni fa gli MTP di oggi sarebbero stati impensabili (TED: idee che vale la pena di diffondere; Google: organizzare le informazioni a livello mondiale; Singularity University: avere un impatto su un miliardo di persone; …)

Nessun MTP descrive cosa faccia l’azienda, il focus è su ciò che aspira a raggiungere. Le aspirazioni non sono né limitate né tecnologiche, tutte mirano a catturare il cuore e la mente, l’immaginazione e i desideri di coloro che stanno all’interno e all’esterno dell’organizzazione.

Quando progetti il lancio (perché no, anche il rilancio) della tua azienda conviene pensare in grande e agire come alcune di quelle che oggi sono enormi multinazionali in grado di cambiare il mondo, ma che alla nascita stavano dentro al garage del fondatore. Le idee possono essere più forti dei capitali.

Un MTP importante ha come effetto la creazione di una community attorno all’azienda, che spontaneamente cominci ad agire da sé (per esempio Apple e TED: entrambe hanno un ecosistema talmente entusiasta che letteralmente estrapola l’MTP dall’organizzazione e se ne appropria insieme al marketing alle attività di supporto e persino al design. iPhone, con un universo di accessori e un milione di app create appositamente dagli utenti, a chi appartiene veramente?). La conseguenza è che il focus dell’azienda si sposta dall’interno all’esterno.

L’elemento che non può mancare in un MTP valido è il Purpose, il Proposito, la proposta che deve rispondere alle due domande essenziali:

  1.  perché fare questo lavoro?
  2.  Perché esiste questa organizzazione?

Un MTP forte è anche una eccellente leva per reclutare nuovi talenti e trattenere quelli già presenti, attrarre e mantenere clienti e il più ampio ecosistema della società (sviluppatori, startup, ONG, Governo, fornitori, finanziatori, partner, ecc.)

Esistono tre stadi di felicità, la vita piacevole (edonistica e superficiale), la vita piena (famiglia e amici) e la vita significativa (trovare uno scopo, trascendere l’ego, lavorare per un bene superiore). I millennial sono aspirational e in quanto tali sono attratti da compagnie altrettanto aspirational, le persone cominceranno a formulare un proprio MTP individuale che si affiancherà, sovrapporrà e vivrà in simbiosi con quello delle organizzazioni. Per attrarre i talenti fondamentali alla riuscita del tuo business bisogna capire come ragionano e cosa li ispira. Cosa li spinge a fare quello che fanno, a postare sui social e a essere parte integrante del marketing di un’azienda.

L’MTP riunisce le aspirazioni globali, sostiene una cultura collettiva, consente agilità di apprendimento e pretende come prerequisito il coinvolgimento al 100% dei leader, la presenza di tutti e tre gli elementi e la sua unicità.